EVENTI

Una meravigliosa Chiara Civello incanta Lendinara

Chiara Civello

Chiara Civello è un’artista completa: musicista polistrumentista, cantante ed interprete eclettica, compositrice; una voce calda e versatile; una solida preparazione musicale di scuola jazz e non ultimo, una bella presenza sul palco, che riesce a riempire col solo aiuto di una chitarra. E’ stata semplicemente magnifica la performance in solo di Chiara Civello, ieri sera nel parco storico di Ca’ Dolfin Marchiori a Lendinara (Ro), per la rassegna Tra ville e giardini edizione XX.

Che concerto!

Sembra una figurina minuta e timida quando sale sul palco. E imbraccia la chitarra, cominciando ad intonare scale, intervalli, accordi nelle diverse altezze tonali. Enfatizzando le consonanti lungo i percorsi jazz e le atmosfere della Bossa Nova. Poi entra in empatia col pubblico. Inizia un percorso personale e collettivo di suoni e melodie. Tira fuori quella voce armoniosa, capace di profondi bassi e risalite lente che fanno tutt’uno con la chitarra. E’ un’immersione quasi in apnea, nelle profondità della musica. Jazz, Bossa Nova, cantautori italiani, pezzi originali fatti di freschezza e ricordi. Grandi corse strumentali e rimandi continui all’incrocio di stili dal Brasile all’Italia, a New York.

 Chiara Civello

Gli spettatori sono rapiti e si perdono nei suoi voluti silenzi, nelle pause tra le note, nel suo cantare a cappella, che rallenta il respiro e ti lascia il tempo di esistere. E si naviga a vista nella scaletta del concerto. “Sambarilove” è un omaggio al Brasile, scritta con Roubinho Jacobina, che appare anche nel suo ultimo album Eclypse (2018), che l’artista sta ora portando in tournée in giro per l’Italia. Ed ancora per l’appunto Eclipse, omaggio a João Gilberto, uno dei padri della Bossa Nova recentemente scomparso, che strappa applausi a scena aperta. Dopo una “Via con me” versione carioca di Paolo Conte, Chiara Civello si siede al pianoforte ed inizia la vera poesia.

Chiara Civello (1)

E’ il momento di una dolcissima “Moon river”, della storica Veleno (1947, Tina de Mola) che ha avuto molta fortuna in Brasile, di una Fortissimo irriconoscibilmente intensa, cantata da Rita Pavone, ma scritta da Lina Wertmuller e Bruno Canfora. Si torna alla chitarra per un “Va bene, va bene così” di Vasco Rossi in versione Bossa Nova ed un pezzo che non ha mai inciso, ma che ama cantare: la samba “El negro Zumbon” scritta da Armando Trovaioli per il film Anna (1951, di Lattuada).

Un viaggio musicale ricco di emozioni

E’ il ricordo del suo primo viaggio in Brasile “per dimenticare qualcuno… mi son sentita immersa in tantissima musica. E come sempre la musica, salva”. Freschezza rock con “Last quarter moon”, scritta nel 2005, quando abitava a Brooklyn e prendeva sempre un treno “carico di artisti e pittori, tutta gente piena di sogni e pochissimi soldi”. Nel finale, si resta nella grande mela con “New York city boy” scritta con Francesco Bianconi, uno degli autori più interessanti della scena italiana. Il bis di chiusura è un indimenticabile “Il mondo” di Jimmy Fontana che in fondo è la sintesi di questo percorso musicale lungo solo una serata, ma che Chiara Civello è già pronta a continuare su altri palchi.

 

Fonte e foto comunicato stampa Tra Ville e Giardini. In copertina concerto di Chiara Civello a Lendinara Ph Francesca Zeggio.

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Una meravigliosa Chiara Civello incanta Lendinara ultima modifica: 2019-08-02T11:07:23+02:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top