DIALETTO STORIE TRADIZIONI

Ea storia dea raneta: le favole popolari un tempo raccontate da mamma

ea storia dea raneta immagine di una bambina che legge un libro

Di solito, la protagonista dei racconti popolari è mia nonna Elsa ma quest’oggi vi voglio riportare alla memoria una favola che mia mamma mi raccontava sempre quando ero piccina. Al momento di andare a letto e mettersi sotto alle coperte, mi prendeva sotto al suo braccio ed iniziava a raccontarmi tantissime favole. La mia preferita era “Ea storia dea raneta”, che tradotto sarebbe “La storia della ranetta”. Ora, è molto probabile che ne abbiate già sentito parlare perché è una storiella veneta popolare, ma sicuramente mia mamma aggiungeva quel tocco “lendinarese”. Da piccola, ricordo che la obbligavo a narrarmela in dialetto veneto, perché il suono delle parole dialettali mi tranquillizzava e mi aiutava a dormire. Forse perché era ancora una lingua sconosciuta alle mie orecchie o forse perché semplicemente suonava meglio così nel “diaeto nostrano”. Andiamo a leggere assieme la favola, ma mi raccomando: non addormentatevi come facevo sempre io!

Ea storia dea raneta

ranocchia

‘ea raneta – Foto da https://www.nonsolocinema.com

Ghe iera ‘na volta ‘na mama che un zorno ciama so fìoi che i era ancora da maridare, ‘a ghe dise: «Fioi mii, mi so drio par deventar vecia e vorìa che voaltri ve trovassi ‘na morosa». I fìoi ubidienti i va in zerca de ‘na tosa. I primi do la trova subito, ma el terzo, Toni, timido e scontroso, resta solo. Sentà su ‘na mureta de un ponte el pianze.
«Cossa te ga Toni che te pianzi?» ghe dise ‘na voze che vien dal fosso. El zovane se gira, ma nol vede nissun.
Dopo un fìà el se sente fare la stessa domanda. El varda mejo, el se incorze che a parlar iera ‘na raneta, e pianzendo el ghe risponde: «I me fradei i se ga trova la morosa, e mi no. No so cossa dirghe a me mama che ga deciso de maridarme». «Sta mina preocuparte sarò mi la to morosa», esclama ea ranocia
«No xe posibie, te si ‘na rana!» dise Toni, ma la ripete: «Fa queo che te digo e te vedarè che ‘ndarà tuto ben».

Il gran finale…

rana principessa

Ea storia dea raneta : la rana principessa – foto da http://cdmodulo6.blogspot.com

Toni ubidisse, va a casa. Par strada trova so fradei, che contenti beati i ghe dise: «Noaltri la morosa la gavemo trovà, e ti?».«Anca mi» dise Toni imbarassà, senza contarghe gnente altro. A casa so mama i ciama vizin a ea:
«Fioi mii adesso che gavè trovà ‘a morosa ciapè sti nizoi, deghei ae future moji, quea che savarà ricamar mejo, deventarà la sposa preferia ». I fradei ubbidisse, co i nizoi soto el brazzo i va dae so morose. «Co mi» risponde calma ‘a rana. «Senti cossa che ‘a dise, co ‘na rana!». «Zerto, proprio co mi, no preocuparte, va vanti che mi te vegno drio».

Cussì i va. Par strada i trova so fradei che i canta, i sona insieme ae so moji. «’A tua Toni dove te ‘a ga sconta?», i ghe dise toendolo in giro. Toni iera drio par pianzere, ma improvisamente la raneta la se trasforma, come par magia, in ‘na bea principessa.
Dopo la monta co Toni sora de na carossa tuta d’oro tirà da sete cavai bianchi aparsa in quel momento. Staltri quatro i varda sbalordii pieni de invidia. A casa so mama se complimenta co Toni parché el ga trovà no solo la più brava ma anca la più bea sposa.

E tuti visero felici e contenti!

Anna Bellini

Autore: Anna Bellini

Ciao, sono Anna ed ho 22 anni!
Sono lendinarese e amo scrivere!

Ea storia dea raneta: le favole popolari un tempo raccontate da mamma ultima modifica: 2019-02-11T07:41:48+01:00 da Anna Bellini

Commenti

To Top