INTERVISTE NOI PERSONAGGI STORIE

Un sogno diventato realtà: la nascita di Gioia Graphic

GB

Oggi ho il piacere di intervistare un talento locale lendinarese che ormai da anni è riferimento di tantissimi clienti che cercano professionalità, serietà e soddisfazione. Gioia Bellini nasce il 23 Maggio 1985 e fin da subito esprime il suo desiderio di focalizzarsi sull’arte della grafica. Infatti, dopo la scuola secondaria di primo grado, decide di frequentare l’allora liceo artistico di Rovigo.

“Ho imboccato subito la strada giusta, perché sapevo sarebbe stata la mansione della mia vita”, afferma orgogliosamente Gioia. Nel 2005, consegue il diploma di maturità e si ritrova subitamente catapultata nel mondo reale lavorativo. Grazie alla sua testardaggine e alla sua voglia di mettersi continuamente in gioco, decide di provare ad inviare una richiesta di accettazione alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia. Sfortunatamente però è troppo tardi e Gioia si vede chiudere la porta in faccia. “Il successo è fatto di sconfitte quindi sapevo che dovevo rimboccarmi ancora di più le maniche se volevo arrivare dove volevo io.”

Gioia Bellini

GB

Gioia Bellini al Web Marketing Festival – Special Social Media Management a Rimini

Parole forti di Gioia che però l’hanno aiutata a continuare a raggiungere il suo sogno. Quindi, dopo una delle prime delusioni, 15 anni fa comincia un corso di grafica a Rovigo e, “fortunatamente ho imparato ad usare carta e penna, strumenti fondamentali prima dell’utilizzo del PC”, ci tiene a precisare.
Inoltre, Gioia mi ribadisce che “sebbene non sia stato facile, mi sono sentita fortunata fin da subito” perché nell’inverno tra il 2005 ed il 2006 la futura grafica scopre ed impara ad usare la pennetta USB.

Cose che ora ci fanno ridere e che tutti noi sappiamo come si utilizzano e dove si comprano ma una volta erano la novità. Dunque, Gioia attua un – come lo chiama lei – “percorso al contrario” dove grazie a quest’ultimo stage apprende le basi che poi le serviranno per riproporsi con più tenacia alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia. Dopo altre esperienze, Gioia Bellini ne è ancor più certa: “voglio diventare una progettista”.

La nascita di Gioia Graphic

Logo GG

Logo Gioia Graphic – Foto da https://www.gioiagraphic.it/

Finito il primo corso, Gioia ribussa alla porta della Scuola Internazionale di Grafica di Venezia e felicemente viene accolta a braccia aperte. “Purtroppo ai miei tempo non esisteva un’università specifica per grafici” quindi “ho deciso di intraprendere il mio percorso formativo in una scuola provata, rigorosa e che per due anni ci improntava al mondo dell’ufficio”. Gioia si illumina parlando dei suoi anni veneziani che definisce, “gli anni più belli della mia vita”.

Tuttavia, mentre frequenta la scuola privata veneziana, gestisce alcuni lavori sul suolo lendinarese per Modul Graph e Ciscra. Dopo aver superato l’esame finale superato con un punteggio di 92/100, Gioia si vede nuovamente davanti ad una scelta. Prontamente mutata dalla sua chiarezza mentale e dalla sua voglia di auto sfidarsi. “Rovigo iniziava a starmi stretta, non trovavo lavoro quindi sono salita sul primo treno che passava e mi sono trasferita Castelfranco Veneto.”

Nella provincia trevigiana, Gioia inizia a lavorare per una agenzia di comunicazione piccola nell’organico ma grande a livello di portfolio client. “Mi sono subito proposta perché avevo letto il loro annuncio dove richiedevano urgentemente un grafico che sapesse già le basi… quindi Gioia risponde!”, simpaticamente asserisce. Vive a Castelfranco per 5 anni e lavora per clienti molto grossi nel mondo del ciclismo. Insaziabile, dopo 5 anni “mi stufo perché avevo bisogno di nuovi stimoli quindi mollo tutto perché sono una testa calda”, scherzosamente aggiunge.
è così che Sei anni fa nasce Gioia Graphic.

Pronti, partenza, via…

Precisamente,  il 6 settembre 2012 Gioia Graphic apre la partita IVA. Quando le chiedo se è stato difficile passare da una zona lavorativa di comfort come quella trevigiana ad una nuova avventura da “solista”, inizia a riflettere. ”Gioia Graphic è stato molto più di una banale scelta fatta perché ero stanca..  Gioia Graphic è stato un insieme di umiltà e molti compromessi. È stato arduo accettare di passare da cataloghi di biciclette consegnate dentro box di ferro tipo moto GP a biglietti da visita e tripartiti per pizzerie al taglio.”

GB

Uno sguardo al futuro

Ovviamente, le difficoltà si presentano sempre e le negatività ci aiutano a capire chi siamo e cosa vogliamo. Gioia Graphic oggi è quella che è grazie a tutti i no ricevuti e ad “altri compagne di merende che hanno reso il mio viaggio meno pesante. Quando il treno passa è importante salirci…anche da soli perché è nel viaggio che hai la possibilità di conoscere persone speciali”.

Tra dieci anni spera di aver già il suo ufficio a Berlino, infatti ci tiene a condividere con me che, “l’ufficio futuro dovrà essere in Industrial style, in parte ad un negozio di tatuaggi, parlerò italiano, inglese e poco tedesco.”
Se volete seguire i lavori di Gioia Graphic, potete trovarla su Facebook ed Instagram sotto il medesimo nome. Se invece preferite, sorseggiare un buon filter koffie di persona, il suo ufficio si trova in Via Chiarugi 27/B a Rovigo.

Anna Bellini

Autore: Anna Bellini

Ciao, sono Anna ed ho 22 anni!
Sono lendinarese e amo scrivere!

Un sogno diventato realtà: la nascita di Gioia Graphic ultima modifica: 2019-01-04T12:17:41+01:00 da Anna Bellini

Commenti

To Top