Il Duomo di Santa Sofia e il restauro dei soffitti dipinti - itLendinara

itLendinara

ARTE CHIESE

Il Duomo di Santa Sofia e il restauro dei soffitti dipinti

Immagine In Evidenza

Domenica 25 aprile abbiamo assistito all’inaugurazione dei lavori di restauro dei soffitti dipinti del Duomo di S. Sofia; un’opera davvero straordinaria; ha comportato per un lungo periodo anche la chiusura al pubblico dell’edificio ecclesiale. Musicisti d’eccezione hanno allietato con maestria la cerimonia; Emanuele Marchi e Luca Tavian; rispettivamente il direttore e l’organista della corale don P. Socal di Santa Sofia; hanno intervallato gli interventi con l’esecuzione di soavi melodie; e incantato così, il pubblico presente; donando in questo modo all’evento, una sacrale atmosfera.

Locandina Ridimensionata
La locandina dell’evento
Musicisti
Da sinistra, i maestri Emanuele Marchi e Luca Tavian – Foto: Serena Mazzetto

L’opera di restauro del Duomo di Santa Sofia

Ha aperto l’evento con i saluti e una breve introduzione, don Alberto Rimbano; insieme a don Michele Samiolo si occupa della parrocchia di S. Sofia; subito dopo, abbiamo assistito all’intervento dell’architetto Sergio Martinelli; che ha colto così l’occasione per introdurre i presenti ai lavori già annunciati di sistemazione del tetto della chiesa; e di altre parti del complesso edilizio.

Duomo Santa Sofia
Il Duomo di Santa Sofia – Foto: Elisa Padoan

L’intervento conservativo dei soffitti dipinti del duomo

Il restauratore Massimo Tisato ha poi preso la parola; e spiegato come si è svolto l’intervento nel suo complesso; scendendo il più possibile nel dettaglio del lavoro svolto.

Intervento Restauratore
Il restauratore Massimo Tisato al microfono; ai banchi: da sinistra, l’architetto Sergio Martinelli e il parroco don Alberto Rimbano – Foto: Serena Mazzetto
Restauro Dipinti S.sofia
Foto: Serena Mazzetto

M. Tisato ha evidenziato le differenze nelle tecniche di pittura delle diverse parti del soffitto; in particolare, la navata centrale è caratterizzata da pitture a mezzo fresco e a secco; si tratta di esecuzioni estremamente delicate dal punto di vista conservativo; presentano infatti la tendenza ad assumere col tempo, una consistenza polverulenta; e tendono anche a staccarsi dall’intonaco.

Il Duomo e la situazione originaria dei dipinti e dell’intonaco

La situazione riscontrata in origine infatti, ha evidenziato la presenza diffusa di distacchi tra gli strati di pittura; questa particolarità, unita alla necessità di ri-ancorare in più punti l’intonaco alla struttura lignea di supporto, ha determinato l’esecuzione di una vasta opera di consolidamento; la stessa si è sviluppata in due diversi momenti; e in due diverse modalità. Dall’interno del soffitto vi è stata un’importante fase di ri-adesione degli strati pittorici; risolta attraverso un capillare sistema di iniezioni di maltine; la fase successiva è stata caratterizzata dalla realizzazione di puntuali e diffuse stuccature; la fase finale poi, ha visto la realizzazione di una delicata operazione di reintegrazione pittorica; il ritocco è stato eseguito a mimetico; è così riconoscibile soltanto da vicino. Dall’altra parte del soffitto, è stata effettuata l’opera di ri-ancoraggio dell’intonaco; realizzata attraverso l’utilizzo di perni passanti; e con l’ausilio di dischetti in plexiglass.

Duomo Santa Sofia
Foto: Serena Mazzetto

Le operazioni in estradosso hanno visto la necessità per gli operatori, di eseguire l’intervento avvalendosi di imbragatura di sicurezza; l’assenza di appoggi oltre il soffitto infatti, era tale, da non garantire una situazione di lavoro in tranquillità.

Duomo Santa Sofia1
Particolare dipinti soffitti Duomo di Santa Sofia – Foto: Serena Mazzetto

Il ruolo della Soprintendenza

Ogni fase dell’intervento è stata seguita dai funzionari della Soprintendenza ai beni culturali; l’ente preposto territorialmente in questo caso, è la Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio; per le province di Verona; Rovigo; e Vicenza; ha sede a Verona. La Soprintendenza rappresenta l’organo periferico del Ministero per i beni e le attività culturali; tutela i beni culturali e paesaggistici; dei territori di competenza.

Mibac
Logo MIBAC

I saluti finali e le note conclusive

L’evento si è concluso con i saluti del parroco, don Alberto Ramboni; è intervenuto con i saluti e i ringraziamenti anche il sindaco della città, Luigi Viaro; egli si è anche pronunciato rispetto alla necessità di eseguire i lavori per la messa in sicurezza del campanile del duomo. Presente alla cerimonia anche l’Assessore alla Cultura e Turismo della città, Francesca Zeggio.

Il Duomo di Santa Sofia e il restauro dei soffitti dipinti ultima modifica: 2021-05-06T08:30:00+02:00 da Elisa Padoan

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Julieta B. Mollo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x