CHIESE ITINERARI

La via del Santo: un itinerario religioso da scoprire

San Bellino Ph Sito Comune Di San Bellino

Se avete voglia di leggere qualche riga su di un percorso particolare da scoprire o da approfondire, allora siete nel posto giusto. Andremo alla scoperta di San Bellino, comune alle porte di Lendinara. Il nome è dato dall’omonimo vescovo di Padova, Bellino, che è stato ucciso nel 1147. Alcuni sicari lo assassinarono. Bellino infatti era un personaggio piuttosto scomodo che ha operato soprattutto nel padovano. Il suo incarico consisteva nel riprendere alcuni terreni, ovviamente di proprietà della Chiesa, di famiglie che se ne erano appropriati ingiustamente.

La leggenda narra

Si racconta che è stato aggredito da prima dai cani dei sicari mentre era a cavallo. Poi, una volta a terra, i killer lo picchiarono fino alla morte. Trovato da alcuni abitanti di Fratta Polesine, è stato sepolto nella chiesa della zona di Fratta nota come Vespara. Era la chiesa di San Giacomo di Lugarano. Ma il Po si portò via i suoi resti durante una rotta e per un centinaio d’anni non si ebbero pi notizie in merito.

Basilica Di San Bellino Ph Sito Diocesi Di Adria Rovigo
Basilica di San Bellino ph sito http://www.diocesiadriarovigo.it/

Un contadino ritrovò l’arca che li conteneva e grazie all’aiuto dei suoi buoi prima e l’aggiunta di un paio di mucche poi, è riuscito a portarlo nella chiesa rurale di San Martino di Variano, anche se inizialmente voleva andare a Fratta. Le vacche si fermarono a riprendersi dalla fatica in due punti, nei quali sorgeranno in seguito due oratori. Molti i miracoli che sembrano siano accaduti dopo il ritrovamento dell’arca, spesso relativi a cani rabbiosi, tanto da far credere che il Vescovo fosse diventato protettore proprio di questi animali nonostante lo abbiano portato alla morte. In seguito, Papa Clemente elevò a Basilica la chiesa di San Bellino nel 1774. Il 26 Novembre si festeggia il Santo Patrono del paese. Dunque questo è il periodo in cui la Basilica riceve più credenti dato che proprio in Novembre inizia la novena di San Bellino. I pellegrini che accorrono sono davvero molti.

Il percorso

Dalla chiesa scomparsa di San Giacomo inizia questo tragitto che porta all’Oratorio costruito nel luogo della prima sosta delle vacche. Questo oratorio era stato demolito negli anni 70 per essere ricostruito nel 2003. Salendo tre scalini si entra dalla porta in ferro battuto. La parrocchia di San Bellino ha donato una statua del Santo Patrono che si trova sul lato destro. Un candelabro su di una mensola in marmo sul lato sinistro mentre al centro una finestra il cui vetro è decorato proprio con l’immagine di San Bellino. Continuando su via Argine Santa Maria si giunge al secondo Oratorio.

Interno Basilica San Bellino Ph Sito Comune Di San Bellino
Interno della Basilica di San Bellino, ph https://www.comune.sanbellino.ro.it/.

Per risolvere il problema dell’acqua dovuta alle frequenti alluvioni del tempo, troverete ad attendervi ben 6 gradini prima di riuscire a varcare l’ingresso. E’ di proprietà privata di una famiglia. Continuando l’itinerario si arriva alla Basilica, dove sono custodite le spoglie del Santo Patrono. Volendo, potete proseguire e approfittarne per fa visita anche alla chiesa di Santa Margherita di Presciane, unica frazione di San Bellino. Arrivare al paese è molto semplice con la macchina. Basta prendere la superstrada Verona-Rovigo, ormai raggiungibile anche con l’uscita in A13 di Villamarzana.

Fonte: https://www.comune.sanbellino.ro.it/it/page/galleria-fotografica.
Copertina: foto sito https://www.comune.sanbellino.ro.it/.

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!
La via del Santo: un itinerario religioso da scoprire ultima modifica: 2019-11-01T08:02:09+01:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top