CULTURA LO SAPEVI CHE

La Madonna: una devozione presente da sempre

Madonna Pellegrina

La devozione che il Polesine riserva alla Madonna è davvero particolare. Sono molteplici le chiese dedicate a Maria o i monasteri in suo nome piuttosto che le sacre immagini! Ed è proprio partendo dal miracolo della Madonna del Pilastrello di Lendinara che prende vita uno dei più famosi itinerari religiosi della nostra zona di cui abbiamo fatto parte e in cui la preghiera regna sovrana. Creare un percorso che si muove proprio lungo questa figura non è affatto difficile ma quello di cui parleremo ebbe una grandissima partecipazione e i fedeli che vi presero parte furono innumerevoli!

Straordinaria esperienza

Circa a metà del secolo scorso, alla fine della Terza Guerra Mondiale, il territorio ha urgenza di ricostruirsi e rimettersi a nuovo. Non solo dal punto di vista materiale, con case, strade e tutto quello che era stato distrutto, ma soprattutto dal punto di vista spirituale. La sensazione palpabile che ci fosse questo forte desiderio di credere porta a far ricominciare la Peregrinatio Mariae. Un culto che esisteva da molto tempo in altre parti del mondo quello del pellegrinaggio mariano in cui una statua della Madonna viene portata in giro, come una missionaria che porta la parola di Dio a far conoscere, un andare verso i propri figli anziché attenderli al santuario.

Madonna Pellegrina

Ed è nella diocesi di Adria che viene indetta dal vescovo Guido Maria Mazzocco. Era il 15 Gennaio 1949. L’Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro dona alla Diocesi una statua della Madonna il 15 Luglio dello stesso anno nel cenobio milanese di S. Sempliciano. Ed è ad Ottobre che la Peregrinatio prende il via , dalla Cattedrale di Adria per poi passare per tutto il Polesine accompagnata dal canto “Vieni tra noi, dolcissima Madre del santo amor…”.

Proprio per far in modo che tutti potessero parteciparvi, le processioni erano di sera e chiaramente la statua era costellata da bambini e ondeggiava fra la gente che predicava e si rallegrava di cotanta benedizione. Le fiaccole non mancarono mai lungo il suo percorso, come nemmeno la speranza. Tutto era sempre illuminato ed imbandito dove passava la statua, non mancavano mai preghiere e canti e la Madonna era sempre circondata da una grandissima folla. Una partecipazione estremamente consistente

La Peregrinatio della Madonna

E’ nella meravigliosa piazza Vittorio Emanuele II, nota a tutti come piazza Grande, che si conclude il toccante viaggio della statua, il 16 Novembre del 1950. Ormai nota a tutti come Madonna Pellegrina, viene regalata alla nuova parrocchia della Commenda durante l’angelus vespertino. Ed è con queste parole che il Vescovo fa sapere a tutti una decisione estremamente importanta: : “… La Madonna Pellegrina rimarrà definitivamente tra voi. Al Cuore Immacolato di Maria sarà dedicata la nuova parrocchia, che sorgerà in località Commenda… La bella e cara statua troneggerà nell’abside del nuovo tempio…”.

Madonna Pellegrina

Ed è alla sera del 5 Novembre 1950 che da Saguedo arriva alla nostra Lendinara. Prima sua tappa nella chiesa di San Biagio. L’8 andò nella Chiesa di Santa Sofia per restarvi fino all’11 e poi proseguire in direzione Rovigo e terminare così il suo viaggio! Diciamo che i suoi percorsi possono essere suddivisi in tre parti e il nostro è proprio l’ultimo, cioè quello che da Badia la accompagna a Rovigo. Un proseguo di soste che iniziano il 13 Agosto e terminano proprio nel giorno in cui la statua lascia la nostra città per far capolino a Rovigo.

 

Fonte e foto da http://www.parrocchie.it/rovigo/commenda/storia.

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

La Madonna: una devozione presente da sempre ultima modifica: 2019-06-07T10:51:29+02:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top