CIBO CONSIGLI UTILI

Scoppia il grande caldo: inizia la stagione del melone!

Melone Ph Giorgia Gio Gio Rondina

Il melone polesano del Delta è una delizia decisamente saporita, il cui profumo inebria non solo i frigoriferi, ma tutta la cucina. Le zone di coltivazione di questa specie? Si va da Adria a Pettorazza Grimani, passando per Papozze piuttosto che Porto Viro fino ad arrivare a Porto Tolle. Frutto zuccherino, dolce e la cui polpa è di colore arancione. Di forma per lo più  sferica-ovale, il melone ha una buccia ricca di nervature in rilievo che le conferiscono una sorta di disegno simile ad una rete. Resiste alla siccità e questa zona di produzione, molto fertile, vicino al mare che ne mitiga le temperature è decisamente favorevole alla sua coltivazione!

Origine

Melone Ph Sito TerredeltipicoMelone del Delta ph sito terredeltipico

Il melone arriva nel Mediterraneo dall’Asia in epoca romana. Ormai viene prodotto in molte parti d’Italia, non solo in Veneto. La Sicilia, ad esempio, è la regione con maggior produzione ma anche Lombardia, Emilia Romagna e Lazio non scherzano affatto. Sul Delta il Melone è sbarcato nei primi del Novecento ma è dagli anni ’70 che comincia ad essere intensificata la sua coltivazione ottenendo ottimi risultati in termini qualitativi e commerciali. Da Maggio ad Agosto i mesi in cui è possibile trovarlo! Vengono raccolti manualmente, messi in celle frigorifere e tenuti al fresco. Le operazioni di lavaggio, imballaggio e trasporto devono essere fatte con estrema cura onde evitare si ammacchi o si rovini. Vitamina A e C non mancano di certo come neppure il potassio. Rinfresca, aiuta la digestione, è un ottimo diuretico e disseta! Sono davvero molteplice le ricette dove possiamo gustarlo. La più classica di tutte è quella in cui lo si vede servito con dell’ottimo prosciutto! Pensate che si può anche fare il miele di Melone dal colore ambra molto chiaro, dal profumo delicato e decisamente fruttato. Oppure meravigliose confetture con cui preparare deliziose crostate. Sicuramente si può utilizzare per preparare fantastiche bevande che colorano d’allegria le nostre serate estive in compagnia d’amici! Un dolce al cucchiaio particolare, morbido e veloce.

Sorbetto al melone senza gelatiera

INGREDIENTI:
melone;
1/2 tazza di zucchero;
200 ml d’acqua circa;
succo di limone;
menta.

Sorbetto Melone Ph Sito Ricette BimbySorbetto melone ph sito ricette bimby

PROCEDIMENTO:
Dopo aver lavato in acqua fredda e tagliato il melone a metà, ripulitelo dai suoi semi (io solitamente uso un semplice cucchiaio) ed eliminate quindi la sua buccia. Fatene dei cubetti, meglio ancora se ne fate una purea, e posizionatelo in frizer. Prepariamo lo sciroppo di zucchero facendolo bollire in una pentola con dell’acqua e qualche foglia di mente, che poi elimineremo, fino a farlo sciogliere completamente. Prestate attenzione a questa operazione, perché potreste scottarvi o bruciarlo. Fate raffreddare e mettete, quindi, in frigo o nel congelatore, se volete diminuire i tempi d’attesa ma state ben attenti a non farlo congelare. Tirate fuori il melone, unitevi il succo di limone, non tantissimo, e lo sciroppo di zucchero frullando il tutto in modo da ottenere un composto omogeneo. Potete anche usare il mixer. A questo punto, per continuare a mescolare, l’uso della planetaria sicuramente sarà gradito ma potete anche procedere con minipimer. Riponete il tutto in frizer, andando a mescolare il tutto ogni quarto d’ora mezz’ora al massimo fino al suo congelamento. Prima di servire date una passata nuovamente con il minipimer per evitare la formazione dei cristalli ghiacciati e conferirgli maggior morbidezza e servite guarnendo con delle foglioline di menta.

 

Fonte ricetta https://la.repubblica.it/. In copertina prosciutto e melone ph da Facebook di Giorgia Gio Gio Rondina presso PerBelloni 24due.

 

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Scoppia il grande caldo: inizia la stagione del melone! ultima modifica: 2019-06-05T10:11:02+02:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top