CIBO Ricette tipiche

Riscopriamo il grande fascino della mela cotogna!

Mela Cotogna

Un frutto dimenticato ma che deve essere recuperato è sicuramente la mela cotogna. Dall’aspetto fisico decisamente poco aitante ma di notevole spessore per le sue molteplici proprietà. Babilonesi, Greci, Romani la conoscevano e la utilizzavano. Probabilmente proviene dalla Persia e dalle zone tutt’intorno al Mar Caspio. Faceva parte di quei frutti che si ritrovavano spesso nei banchetti dei matrimoni in segno di buon auspicio. Si riteneva portasse fertilità. Ma come facciamo a saperlo? Spesso li ritroviamo negli affreschi a Pompei.

Proprietà

Il profumo di queste mele è davvero particolare, tanto che viene usato per profumare biancheria o armadi. Ricche di vitamine, di sali minerali come il potassio e il calcio, contengono pochi zuccheri e sono scarsi di calorie. Adatto quindi a diabetici o a chi necessita di perdere peso. Usate anche in cosmesi per migliorare la pelle e combattere le rughe, sono i semi ad essere maggiormente apprezzati in questo settore.

Mela Cotogna
Mela cotogna ph Facebook Elisa Betta

Una curiosità è che in passato, parliamo del periodo che risale all’Antica Grecia, veniva usato anche nei rituali. Ad esempio, per decreto di Solone, le giovani sposine dovevano mangiarne una prima di salire nel letto nuziale la prima notte matrimoniale. A Malta, si usa utilizzare un cucchiaino della sua marmellata per dire addio a problemi intestinali. Sembra infatti essere un ottimo regolatore intestinale! Almeno, questo è quanto mi ripete sempre mia mamma. Quest’anno purtroppo il mio meraviglioso albero, non ha prodotto mele commestibili, ma mi rifarò sicuramente l’anno prossimo! Intanto finisco l’ultima cotognata rimasta, gustandomela con parsimonia.

Ricetta

La loro polpa è davvero dura, faticoso se non impossibile mangiarle crude. Ecco allora che vi proponiamo un’ottima torta di mele cotogne.
INGREDIENTI:
300 g di farina tipo 00:
3 belle mele cotogne;
3 uova;
200 g di zucchero;
100 g di mandorle;
1 bustina di lievito per dolci;
latte q.b.;
limone;
3 cucchiai olio di semi.

PROCEDIMENTO:
Dopo aver sbucciato e tagliato a fettine le mele cotogne, cospargetele di succo di limone e di un pochino di zucchero. Un cucchiaio circa dovrebbe essere sufficiente. Separate chiare da albumi e montate a neve proprio le prime. Successivamente mescolate albumi e zucchero in modo da ottenere il classico composto bianco e spumoso. Unite quindi la farina e il lievito possibilmente usando un setaccio evitando così la formazione di grumi.

Torta Mela Cotagna Ph Facebook Carlo Ferrari
Torta mela cotagna ph Facebook Carlo Ferrari

Addizionate in ordine olio e quindi latte, diciamo circa 100 ml. Meglio usare il parzialmente scremato e a temperatura ambiente. Infine mettete le mandorle tritate e le chiare montate a neve. Imburrate e infarinate una tortiera, quindi versate un po’ di impasto e riponetevi delle fette di mele cotogne. Proseguite fino a fare un ultimo strato ricoperto di fettine. Mettete a cucinare a forno preriscaldo a 180° per una quarantina di minuti circa. Servite dopo averla lasciata raffreddare, cosparsa di zucchero a velo!

Una torta facile che durante il periodo autunnale riscalderà il vostro palato con una esplosione di sapore! Non so voi, ma io preferisco la semplicità e questo tipo di dolci restano, oltre che facili da preparare, grandi classici del mio forno.

Fonte: https://www.ilgolfo24.it/tentativo-di-rilancio-sullisola-delle-mele-cotogne-un-frutto-dimenticato-nel-tempo-delle-mele-la-borsa-verde-le-riscopre-e-ne-raccomada-luso/.
Ricetta: https://cucina.fidelityhouse.eu/dolci/torta-di-mele-cotogne-con-uvetta-e-mandorle-187143.html.
Foto copertina: Mela cotogna ph Facebook Agriturismo Il Gioco dell’Oca

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!
Riscopriamo il grande fascino della mela cotogna! ultima modifica: 2019-11-06T08:59:44+01:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top