CIBO Ricette tipiche TRADIZIONI

Zampe di gallina, piatto povero ma con cui leccarsi i baffi!

Zampe Di Gallina In Brodo Da Facebook Di Andrea Faccioli

Tipico un po’ di tutto il Polesine, spesso erano le nonne a preparare le zampe di gallina bollite, da cui si ricavava pure uno strepitoso brodo. Solitamente era la cura per ogni male, perfetto per gli influenzati ed è chiaramente parte integrante della cultura culinaria povera e di campagna. Soprattutto per quelle famiglie a cui non mancava la presenza del pollaio. C’è anche il detto che recita proprio: gallina vecchia fa buon brodo! Un sapore tipico che scalda il cuore di molti di noi. Sono convinta che sia una delle tante tradizioni che risvegliano moltissimi ricordi, soprattutto quelli legati alle feste trascorse in famiglia.

Zampe di gallina

Come spesso abbiamo ribadito, non si poteva davvero gettare via nulla un tempo. La pena era morir di fame. Per cui, chiaramente, ci si ingegnava per poter sfruttare al meglio ciò che si aveva a disposizione. In realtà, questo piatto è noto e apprezzato anche oltre le Alpi, come in Cina, Giamaica, Perù, Africa… fra l’altro il loro apporto nutritivo è davvero notevole ed il prezzo è basso. Vero è che si tratta più di tendini e pelle e ben poco muscolo ma, anche se non fa parte della parte nobile dell’animale, i veri intenditori di tradizione e cibo per fortuna sanno di cosa sto parlando. Il suo segreto è la cartilagine che regala il sapore e la consistenza gelatinosa.

Zampe Gallina Ph Sito Gata Da PlarZampe gallina ph sito gata da plar

Sapete che proprio questa è ottima per chi soffre di pressione alta? Ebbene sì, avete capito bene. Nelle zampe di gallina sembra infatti esserci un quantitativo di collagene (la proteina utile a combattere l’ipertensione) molto alta. Negli Stati Uniti il brodo di gallina è noto come  “la penicillina della nonna“. Piatto estremamente semplice, facile da digerire che negli inverni pi caldi scalda, oltre le budella anche l’anima. La loro preparazione fondamentalmente necessita di una lunga ed accurata pulizia delle zampe prima di cucinarle. Infatti calcolate che sono ricoperta da una spessa pelle dura, piume e penne da togliere. Da crude dovete ricordarvi di tagliar via le unghie con il giusto coltello ben affilato, lavarle in acqua salata soprattutto fra le dita per rimuovere terriccio e altra sorta di escrementi e togliere la pelle giallastra e squamosa. Ricordatevi, pure, di passarle sopra il gas del fornello come operazione finale.

Ricetta

A casa mia è consuetudine preparare le “zate” assieme alle “ponte de le ale” e al “colo”. Il top per ottenere un brodo sublime che nonna molto spesso di sera utilizzava per una cena veloce con l’aggiunta del famoso pan biscotto, altro prodotto tipico del Polesine.

Pulire Zampoe Di Gallina Ph Sonia PeronaciPulire zampoe di gallina ph Sonia Peronaci

INGREDIENTI:
zampe di gallina;
punte delle ali (la parte finale delle ali);
collo, con testa annessa, della gallina;
sedano;
cipolla;
carota;
acqua;
sale.
PROCEDIMENTO:
Fate lessare gli ingredienti in una pentola con abbondante acqua fredda, sale e aromi compresi. Solitamente io aggiungo anche del dado per dargli un sapore più gustoso. Fate bollire per almeno due ore, salvo non usiate la pentola a pressione, nel qual caso basteranno 30 minuti. Servite ben calde, accompagnando le parti della gallina con verdure cotte (anche quelle con cui le avete cucinate, se siete amanti del riciclo e detestate lo spreco) o del purè di patate. Ricordate che il brodo così ottenuto è un ottimo consommè e potete valorizzare il vostro pranzo con un primo d’effetto servito semplicemente con crostini imbevuti d’olio d’oliva e rosmarino. Largo al vostro modo di imbandire la tavola!
Buon ritorno alle tradizioni!

 

Fonte http://www.pubblicitaitalia.com. In copertina zampe di gallina in brodo da Facebook di Andrea Faccioli

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Zampe di gallina, piatto povero ma con cui leccarsi i baffi! ultima modifica: 2019-02-06T07:45:35+01:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top