EDIFICI STORICI LO SAPEVI CHE STORIA

Il progresso porta alla nascita del primo zuccherificio in Polesine

Zuccherificio Lendinara Ph Facebook Francesco Quaglio Bruno

La fine dell’Ottocento è un secolo molto interessante per la nostra città che si avvia verso il progresso e porta alla nascita dello zuccherificio. E’ uno dei comuni più popolosi e anche dal punto di vista della viabilità è decisamente ben servito. Nel 1876, a dieci anni dalla linea Padova- Ferrara, viene completata la Legnago-Rovigo. Arriva anche l’illuminazione pubblica nel 1899, a gas. Nel 1911  è la volta dell’energia elettrica, grazie alla Società Adriatica di Elettricità. Da Rovigo a Villa d’Adige e quindi Lendinara è compresa.

I primi del Novecento c’è aria di cambiamento. Così si creano giardini, si riqualificano piazze, strade, monumenti e si ingrandisce la stazione dei treni in virtù delle industrie che prendono vita e crescono rapidamente. La Società del Mutuo Soccorso, nata nel 1866, fa costruire le prime case per gli operai. Era il 1907. Lo Jutificio, la segue a ruota e nel 1920 lo fa per i propri lavoratori. Il motore finanziario resta l’agricoltura con nuove coltivazioni e sperimentazioni in ogni ambito.

9 Settembre 1899

Zuccherificio di Lendinara anni '20 (Foto Alinari) ph Facebook Renato Mandruzzato
Zuccherificio di Lendinara anni ’20 (Foto Alinari) ph Facebook Renato Mandruzzato

Data importante per la città. Nasce la “Fabbrica Lendinarese per lo Zucchero di Barbabietole G. Maraini e C.“. Composta da 19 soci, tra cui i fratelli Giovanni ed Emilio Maraini, i fratelli Pietro e Dante Marchiori ed il nipote Gastone, i fratelli Lorenzo e Luigi Lorenzoni, Adamo e Vittorio Pelà e Bertalo Taso. Gli scopi sono quelli di lavorare la barbabietola nella fabbrica, coltivarla e dell’esercizio di industrie. Per cinque anni rinnovabili, una Società di Agricoltori decide di coltivare barbabietole in cambio di poter partecipare agli utili.

E’ Giovanni Maraini a firmare per l’acquisto del terreno dove poi verrà costruita la fabbrica. 25 Ottobre 1899. Ma la data da segnare sul calendario è quella del 22 Settembre del 1900. Inaugurazione ufficiale dello stabilimento anche se in realtà aveva già cominciato ad operare nell’Agosto. La prima raccolta? Da 5 a 6000 quintali al giorno, con l’utilizzo di 400 uomini. Ma perchè viene scelta Lendinara come base per il primo zuccherificio di tutto il Polesine? I Marchiori e i Lorenzoni sono famiglie decisamente facoltose e prestigiose. Emilio Maraini era già dell’ambiente e aveva ottenuto riscontri positivi in questo settore. Non possiamo non tener presente anche il fatto che i nostri agricoltori hanno avuto l’occhio decisamente lungo. Hanno intuito l’importanza dell’innovazione e le sue potenzialità. Hanno rischiato? Beh, sono stati decisamente lungimiranti, il che non è certo tipico di una mentalità chiaramente ristretta, soprattutto in quei tempi. Ecco che prende vita la prima industria del nostro territorio. Nel 1903 nasce anche la “Società Anonima Prodotti Chimici per l’Agricoltura” dando lavoro ad altre 50 persone.

Lo Jutificio

Nel 1907, esattamente il 15 Gennaio, apre la “Società Anonima Jutificio Veneto“. 45 i soci di questa nuova impresa. Della famiglia Marchiori partecipano i fratelli Dante, Pietro, Lamberto, Giacomo ed il nipote Antonio. I fratelli Lorenzoni Luigi, Lorenzo e Umberto. Fiocco Ugo. Pelà Vittorio. Petrobelli Eugenio. Miotti Cesare. Giovanni Maraini. Anche lo zuccherificio e la fabbrica di concimi partecipano. Non solo, si aggiungono anche la Banca Cooperativa di Lendinara e il Sindacato Agricolo. Altri soci e anche ditte di altre città. Ma questa è un’altra storia, che presto provvederemo a raccontarvi!

 

In copertina Zuccherificio Lendinara ph Facebook Francesco Quaglio Bruno.

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Il progresso porta alla nascita del primo zuccherificio in Polesine ultima modifica: 2019-01-17T08:46:11+02:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top