CIBO Ricette tipiche TRADIZIONI

Musso in poceto, tradizioni culinarie tipiche del territorio

Piatto Di Musso In Poceto Accompagnato Da Polenta Foto Facebook Arena Asporto 5c62891d93d57

In dialetto veneto il musso è l’asino. Ci sono alcune varianti anche per come preparare questo piatto, sempre a seconda della zona in cui si abita e delle abitudini della propria famiglia. Di sicuro è un “must” invernale, che riscalda i ricordi di molti. Unire il cuore al palato è quello che cerchiamo di fare rispolverando grandi classici della tradizione. E allora, largo al gusto unito al calore familiare che solo un piatto tipico può proporre ogni volta che entra in scena sulle nostre tavole. Il somaro richiede una cottura decisamente lenta, come d’altronde erano piacevolmente lunghi i pranzi di un tempo in cui si sfoggiava questa prelibatezza che imbandiva le domeniche o le feste speciali, quando si trascorreva il tempo seduti  a chiacchierare per ore. Fino a ritrovarsi al momento di cena e creare un tutt’uno proprio tra il pranzo e quest’ultimo.

Piatto Di Musso In Poceto Accompagnato Da Polenta Foto Facebook Di Patrizia MarangoniPiatto Di Musso In Poceto Accompagnato Da Polenta Foto Facebook Di Patrizia Marangoni

A casa mia era doveroso proseguire e terminare la giornata con l’immancabile appuntamento finale: una partita a carte, in cui anche i piccolissimi potevano scatenarsi. La lungaggine della cottura del musso è dovuta al fatto che il tempo serve per far diventare la sua carne più tenera, rendendola ancor più saporita da un “sughino” denso eccezionale chiamato in forma dialettale “poceto“. La tradizione di mangiare carne equina proviene da Verona e risale ancora al tempo degli Ostrogoti. Tra il V e il IV secolo dopo Cristo circa. Se volete saperne di più di questa storia, leggete anche l’articolo di itRovigo dove si spiega nel dettaglio proprio come prende vita questa usanza.

Ricetta del musso in poceto

INGREDIENTI:
cipolla, sedano, carota;
musso 1 Kg;
vino rosso;
passata di pomodori;
aglio;
pepe;
sale;
acqua;
olio.

Piatto Di Musso In Poceto Accompagnato Da Polenta Foto Facebook Albergo Ristorante Leon D'oroPiatto di musso in poceto accompagnato da polenta, foto Facebook Albergo Ristorante Leon D’oro

PROCEDIMENTO:
Tritate sedano, cipolla e carota e fate rosolare in una pentola antiaderente dai bordi alti con abbondante olio. Mettete anche uno spicchio d’aglio intero. Tagliate la carne in pezzi regolari come fosse spezzatino. Aggiungeteli nel tegame e fate rosolare su tutti i lati. Sfumate con un bicchiere di vino rosso a fuoco sempre alto. Addizionate la passata di pomodoro e aggiungete due o tre mestoli d’acqua, meglio ancora se brodo. Pepate e mescolate il tutto in modo da rendere omogeneo il preparato. Ora coprite con un coperchio la pentola e lasciate andare a fuoco basso per 5 ore. Ogni tanto, circa mezz’ora, ricordatevi di andare a controllare la situazione. Mescolate e aggiungete acqua se risulta essere troppo secco o il pomodoro troppo ristretto. Ricordatevi che va salato solamente alla fine, proprio per non rovinare la morbidezza che acquisterà con la stufatura così lunga. Il musso in poceto è un gioiello che deve essere servito con la polenta. Definirei questa cosa fondamentale oltre che obbligatoria. Se proprio non avete avuto il tempo per farla, un’ottima alternativa è quella di accompagnarlo a pane tagliato a fette e tostato. Annaffiate il tutto con un ottimo vino rosso. Non dimenticatevi mai di divertirvi e di respirare la vostra memoria! Tutto sarà molto più buono quando si attivano anche le emozioni. Un ringraziamento particolare a Christian Barella che ci ha suggerito di raccontare questo piatto nel nostro gruppo Facebook lendinara e i lendinaresi – itlendinara.it!

 

In copertina Piatto Di Musso In Poceto Accompagnato Da Polenta Foto Facebook Arena Asporto

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Musso in poceto, tradizioni culinarie tipiche del territorio ultima modifica: 2019-02-20T07:47:15+02:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top